Colonie marine a Calambrone: le origini, la storia, l'architettura

Colonie marine a Calambrone: le origini, la storia, l'architettura

Prezzo di listino
€29,00
Prezzo scontato
€29,00
Imposte incluse.

Titolo: Colonie marine a Calambrone
Sottotitolo: Le origini, la storia, l'architettura
Autore: Riccardo Cerasa
Pagine: 290
Prezzo: € 29,00
Rilegatura: Brossura
Pubblicazione: Novembre 2012
Illustrato: si
Dimensioni: 22×24 cm
ISBN: 9788865281475
Collezione: Saggistica

Quali sono le origini delle Colonie Marine? Come era la giornata di un bambino nelle colonie elioterapiche? In che modo le soluzioni progettuali e architettoniche coniugavano l’obiettivo di rafforzare la salute dei giovani assicurando allo stesso tempo quell’educazione disciplinata pretesa dal regime? La ricerca partendo dall’ambiente naturale del litorale pisano, dalla rivalutazione del sole e del mare a fini terapeutici e dalle prime ricerche in campo medico per la cura della tubercolosi, tratta dell’origine degli ospizi marini e dei sanatori ed attraverso lo studio dei regolamenti e della letteratura del tempo e ricostruisce la genesi delle colonie degli anni Trenta realizzate in Italia ed in particolare al Calambrone. Dall’ adeguamento dell’architettura moderna ai canoni costruttivi dettati dal fascismo nella progettazione delle colonie, dalla loro organizzazione alla vita che vi si svolgeva, il testo analizza, con un solido impianto storico, le “sette sorelle” costruite tra il 1932 ed il 1938: “Firenze”, “Principi di Piemonte”, “Vittorio Emanuele II”, “Rosa Maltoni Mussolini”, “Regina Elena”, “Fasci Italiani All’Estero”, “Santa Barbara” e infine il “Centro Servizi” ed il “Teatro all’aperto” mediante una dettagliata schedatura contenente molti inediti : immagini, documenti e progetti degli architetti del tempo tra cui Mazzoni, Paniconi e Pediconi, Venturi, Giovannozzi e Baldi Papini.

Riccardo Cerasa nasce a Pisa nel 1966, ha conseguito la laurea magistrale presso la Facoltà di Architettura di Firenze. Svolge la sua attività a Pisa in forma autonoma dal 1991, anno dal quale dirige la Stilcomm Architettura e Design, dedicandosi alla progettazione e realizzazione d’interni per attività commerciali, committenti privati ed aziende; collabora con varie industrie del settore del mobile e dei complementi di arredo. Si dedica inoltre alla progettazione e al recupero di immobili unifamiliari signorili, di spazi espositivi e all’allestimento di mostre ed esposizioni, caratterizzando il suo lavoro mediante la ricerca, lo studio dei dettagli costruttivi e l’utilizzo di materiali innovativi. Tra i lavori più rappresentativi: Abiogen Pharma Pisa, villa Andrey Forte dei Marmi, l’allestimento delle mostre su Galileo Galilei, Chagall, Mirò, Kandisky, presso Palazzo Blu. La passione per l’arte e per la storia dell’architettura, in particolare quella del Novecento, e per le ricerche bibliografiche, lo impegna oggi anche in pubblicazioni e saggi scritti.