La quinta lettera

La quinta lettera

Prezzo di listino
$18.00
Prezzo scontato
$18.00
Imposte incluse. Spedizione calcolata al momento del pagamento.

Titolo: La quinta lettera
Sottotitolo: Lo sguardo del saggista nella prosa breve di Nathaniel Hawthorne
Autore: Paolo Bugliani
Pagine: 156
Prezzo: 16,00 €
Rilegatura: Brossura
Pubblicazione: Gennaio 2022
Illustrato: no
Dimensioni: 15,5×22 cm
ISBN: 9788865285756
Catalogo: Arnus - Musica

 

Il volume prende in esame la produzione breve di Nathaniel Hawthorne cercando di identificare in essa le tracce della tradizione storico-letteraria del saggismo ottocentesco, di cui furono maestre personalità del calibro di Charles Lamb, Washington Irving, Leigh Hunt, Ralph Waldo Emerson e Henry David Thoreau. 
La specificità dello sguardo saggistico di cui Hawthorne decide di dotare i propri personaggi è indagata nella sua dimensione formale quale ingrediente fondamentale amalgamato contrappuntisticamente a quello narrativo, che spesso sembra dominante. La natura saggistica della prosa breve di Hawthorne, spesso liquidata dalla critica come puramente funzionale alla struttura diegetica, permette di riconoscere in questa ‘provincia’ letteraria dell’opera hawthorniana una fucina aperta di sperimentazione e non una mera palestra per un narratore che troverà la sua piena maturità con la fase dei romances. Di testi come “Sights from a Steeple”, “The Haunted Mind”, “A Bell’s Biography”, “A Virtuoso’s Collection”, “Fire-Worship”, e “The Old Apple Dealer” – forse meno noti di “Young Goodman Brown” o “Rappaccini’s Daughter” (e sicuramente meno letti di The Scarlet Letter o The House of the Seven Gables) – vengono esaminati i legami con una tradizione saggistica che, inaugurata in Inghilterra con le sperimentazioni di Addison e Steele sullo Spectator, aveva trovato in America un terreno molto fertile e si presentava a Hawthorne come un dominio testuale in cui dar prova della propria originalità. Grande attenzione è dedicata anche alle caratteristiche precipue della voce che Hawthorne plasmò per questi testi così incantevoli e iridescenti, in cui creatività narrativa e candore saggistico si fondono in un amalgama multiforme e seducete che rappresenta un campo di indagine meritevole di più frequenti incursioni da parte della critica

Paolo Bugliani è assegnista di ricerca presso il Dipartimento di Filologia, Letteratura e Linguistica dell’Università di Pisa. È stato docente a contratto presso le Università di Padova e di Pisa, e visiting scholar presso l’Oxford Centre for Life Writing del Wolfson College. Oltre alla saggistica letteraria romantica e modernista, ha studiato le relazioni culturali anglo-italiane e anglo-francesi tra Settecento e Ottocento, e, più di recente, il simbolismo animale nella letteratura angloamericana moderna e contemporanea.
È autore di tre monografie (Le voci del saggista, Pisa, 2019; Metamorfosi di un genere, Lucca, 2020; e Zoo di racconti, Pavia, 2021) e di numerosi contributi su rivista e in volumi nazionali e internazionali tra cui Textus, Between, E-rea, Enthymema, e The Edinburgh Companion to the Essay